DAL 26 AGOSTO 2021: LA PIOGGIA (SEM 2021):

1992: la ‘Ndrangheta investe in cocaina ed eroina i miliardi ricavati dai sequestri di persona. I traffici con i narcos sudamericani si intensificano, e in pochi anni la mafia calabrese diventa la più potente del mondo. Milano, l’intera Italia, il Canada, l’Australia e tutta l’Europa si trasformano nel mercato immobiliare che le ‘Ndrine, ormai esperte di finanza internazionale, usano per riciclare fiumi di denaro sporco. In quella che un tempo fu la capitale di un impero, Roma, la ‘Ndrangheta fonda il cartello Jonico, che inonda l’Europa di droga comprata da messicani e colombiani. Il motto è «Il mondo si divide in due parti: quella che è Calabria e quella che lo diventerà».
Il cartello Jonico, capeggiato da un boss, è forte di un’articolata struttura territoriale che comprende anche un’efficiente macchina della comunicazione e una spietata cellula militare. Le forze di polizia non danno tregua alle cosche, ma i sequestri di stupefacente non fermano, se non in minima parte, i traffici illeciti miliardari che si svolgono su e giù per l’Atlantico. Il cartello è impenetrabile, gli ‘ndranghetisti sono ombre mute.
È il 10 dicembre del 2021.
Roma.

GUARDA LA CLIP

Photo by Lucrezia Silvis

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: